Pensieri"Coloro che non sono felici di ciò che hanno, non saranno felici nemmeno per ciò che vorrebbero avere."

10/11/2018 - 08h

Ogni persona che decide di rispondere a questa domanda darà la sua risposta, in base alle sue esigenze e realtà, perché la felicità è soggettiva. L'idea di felicità non è un fatto recente, poiché è il desiderio della natura umana e fa parte della storia della nostra civiltà.

Oggi la risposta è indotta dalla nostra società dei consumi: devi solo essere felice. Questo è "l'algoritmo", che funziona come un impulso nevrotico per apparire come la felicità. Quindi ci sono persone che pensano che sia necessario essere felici, ma si rivela essere una fonte di ansia.

La rivista americana Personality and Individual Differences ha pubblicato uno studio, sottolineando che le persone materialiste sono inclini ad essere infelici. 

Jo-Ann Tsang, uno degli autori, ha affermato che siamo creature sociali e ci concentriamo sulle persone in modo positivo, ma i materialisti trovano difficile essere grati agli altri per quello che hanno.

È evidente che la ricerca della felicità guida l'umanità, poiché ci sfida a combattere, a credere, a guadagnare e spendere soldi, ad avere amici, a sposarci, a divorziare, a crescere bambini e a conquistare altre opportunità. 

Non c'è niente di sbagliato in questo!

Tuttavia, non esiste una ricetta per la felicità che funzioni allo stesso modo per tutti, poiché ogni persona reagisce alla vita in modo diverso. Ciò che esiste è il segreto di come trovare la felicità, che è stata pensata dalla religione, dalla filosofia e dalla psicologia, che differisce dalla visione materialistica della felicità.

Aristotele, filosofo greco, sosteneva che la felicità riguarda l'equilibrio e la pratica del bene. E per il filosofo indiano Mahavira, la non violenza era un alleato importante per raggiungere la piena felicità. Confucio, un pensatore cinese, aveva già capito che la felicità si formava nel legame tra le persone.

Il filosofo dell'Illuminismo Jean-Jacques Rousseau sosteneva che l'essere umano era felice, ma con l'emergere della civiltà aveva distrutto il suo stato originale di armonia. Per recuperare la felicità primordiale, l'educazione dell'essere umano dovrebbe mirare a ritornare alla sua semplicità originaria.

La psicologia mette in relazione la felicità con le emozioni e le attività positive. Freud concluse che l'individuo è mosso dalla ricerca della felicità, ma questa ricerca sarebbe utopistica, poiché per poter esistere non potrebbe dipendere dal mondo reale, dove la persona può avere esperienze frustranti e vivere una felicità parziale.

Il buddismo crede che la felicità avvenga attraverso la liberazione della sofferenza e il superamento del desiderio attraverso l'allenamento della mente. E il cristianesimo crede nell'amore come un elemento essenziale nella direzione della pace a tutti i livelli al fine di raggiungere la felicità individuale.

Il pensiero di Socrate, che fu uno dei più notevoli filosofi della storia, ha una frase che riassume il segreto della felicità rivelata dalla religione, dalla psicologia e dalla filosofia, e attesta questo studio pubblicato dalla rivista americana: "Coloro che non sono contenti di quello che hanno, non saranno contenti di ciò che vorrebbero avere".

Ad ogni modo, i nostri bisogni di base aumentano ogni giorno, quindi abbiamo nuovi obiettivi di vita. 

Tuttavia, dobbiamo essere consapevoli di vivere la felicità nel presente, non per avere di più, ma per godere di più di quello che già abbiamo.

Tags
ricercafelicitàsegretidettifilosofibuddisticristianicristianesimofilosofiastoriatempoluogoaveredarericercasentimentiabitudinidiversifamigliaamicipensieri