BenessereLo studio dice che l'alluminio ha un rapporto con il morbo di Alzheimer

05/10/2018 - 23h

L'alluminio è un metallo comune e abbondante sul nostro pianeta: è presente tutto il tempo intorno a noi. Ma l'alluminio è un metallo tossico, difficile da eliminare dal nostro corpo, che lo rende molto pericoloso per il corpo.

Il legame tra l'alluminio e l'Alzheimer è in circolazione da molto tempo. Ma molti scienziati ritengono che non ci siano prove sufficienti per incolpare il metallo, utilizzato per vari scopi.

Il professor Chris Exley della Keele University, tuttavia, afferma che la sua ultima ricerca conferma che il materiale ha un ruolo nel declino cognitivo. Quando i nuovi risultati vengono inseriti nel contesto di ciò che è già noto sull'alluminio e la malattia di Alzheimer, il loro significato diventa concreto.

Gli scienziati hanno già scoperto che il contenuto di alluminio nel tessuto cerebrale delle persone con Alzheimer (ad esordio tardivo e sporadico) è significativamente più alto rispetto a persone della stessa età senza la malattia.

Livelli di alluminio più alti sono stati riscontrati nel cervello di individui diagnosticati con una forma precoce di malattia di Alzheimer sporadica, che hanno sperimentato un'esposizione insolitamente elevata al materiale attraverso l'ambiente.

Ciò significa che la malattia di Alzheimer inizia in epoche molto più antiche, ad esempio da cinquanta o sessant'anni, in individui che sono stati esposti a livelli anormalmente alti di alluminio nella loro vita quotidiana.

Questa nuova ricerca potrebbe suggerire che queste predisposizioni genetiche per la malattia ad esordio precoce sono collegate in qualche modo all'accumulo di alluminio nel tessuto cerebrale. L'esposizione ambientale e professionale dell'alluminio si traduce in livelli più elevati di alluminio nel tessuto cerebrale umano e un esordio precoce della malattia di Alzheimer sporadica.

Le predisposizioni genetiche, utilizzate per definire il morbo di Alzheimer familiare o ad esordio precoce, predispongono anche i soggetti a livelli più elevati di alluminio cerebrale in età molto più giovane. La migliore forma di prevenzione è prendere ogni possibile precauzione per ridurre l'accumulo di alluminio nel nostro tessuto cerebrale attraverso le nostre attività quotidiane.

Tags
benesseresalutealluminioalzheimercervellomalattiatessuto